rivivere

Standard

5 aprile 1995, ore 15 circa, la telefonata che non ti aspetti, da mia cognata.

Sono in casa con le bambine, che dormono, sono ancora piccole. Stefania, mia moglie, è ad un convegno. Mentre aspetto mia madre che starà con le bambine al loro risveglio, sono confuso e spaventato all’idea di doverlo dire a mia moglie.

Dirle che uno dei suoi due fratelli è morto, al lavoro.

Arrivo alla sala convegni della fiera, centinaia di persone, non vedo mia moglie. Guardo e riguardo le persone sedute, mi sembrano tutte uguali, non me la sento di aspettare oltre e faccio dare una comunicazione di servizio al microfono.

Finalmente possiamo piangere insieme e insieme recarci al pronto soccorso: la polvere del cantiere ancora addosso, i lividi sulle dita…

Oggi Corrado avrebbe quasi 53 anni, vivrebbe nella casa che stava finendo di costruire con le sue mani, godrebbe della vicinanza della moglie e della figlia, che allora non aveva ancora un anno…

E’ giusto, dopo 20 anni, rivivere nella memoria un evento familiare importante.

E’ giusto rivivere … oggi, giorno di Pasqua.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s